Morto in servizio Jimmy, decano dei cani anti-esplosivo del contingente italiano in Libano

0
84
Altudog dieta barf disidratataNUOVO! - Cibo BARF Disidratato per cani. NON è una crocchetta ma un cibo per cani Sano e Naturale
cane anti esplosivo esercito italiano
Jimmy, cane anti esplosivo esercito italiano.

Dopo oltre 10 anni di onorato servizio, Jimmy, detto Gamain, se n’è andato per un malore. Era uno dei cani militari del Contingente Italiano schierato in Libano. Cresciuto presso il Gruppo Cinofili del Centro Militare Veterinario di Grosseto (fondato nel 2002), ieri mattina è deceduto mentre svolgeva l’abituale controllo per fiutare eventuali tracce di esplosivo sui mezzi che entravano presso la base militare di Shama, del Comando del Settore Ovest di UNIFIL, attualmente controllata dalla Brigata Paracadutisti “Folgore”. Appena il cane si è accasciato, è stato soccorso dal suo conducente, un Caporal Maggiore Capo dell’Esercito, e subito dopo dall’Ufficiale veterinario. Inutilmente, purtroppo.
Jimmy era un bel pastore belga Malinois di 11 anni. Questa razza è molto versatile e viene impiegata efficacemente nei compiti più svariati: per la guardia, la difesa, come cane da catastrofe, da macerie, da valanga e, naturalmente, da pastore. Il pastore belga è un cane vivace, coraggioso e attivo, sempre pronto all’azione. L’atteggiamento del suo corpo esprime fierezza e intelligenza. Non richiede grandi cure, è di abitudini spartane, ma necessita di un padrone attento e presente che sappia imporsi come “capobranco”.
Jimmy sarebbe da poco andato in “pensione”, e forse sarebbe stato adottato dal suo conducente come sempre più frequentemente accade, dato il forte legame che si instaura fra uomo e animale. Da autentico “veterano”, questo cane era stato già impiegato per sei missioni all’estero, in Afghanistan, in Kosovo e in Libano.

Jimmy, cane anti esplosivo esercito italiano durante un controllo.

In questi, come in altri teatri operativi, l’impiego di unità cinofile è divenuto sempre più fondamentale per scongiurare il pericolo degli ordigni esplosivi improvvisati (IED), una delle minacce più subdole e mortali per i nostri soldati. Fiutare e trovare gli esplosivi è vissuto dai cani come un gioco. Il metodo addestrativo dei nuclei cinofili dell’Esercito non prevede mai l’utilizzo di procedimenti coercitivi; privilegia, invece, tutte quelle attività finalizzate a rafforzare il legame affettivo ed i sentimenti di fiducia reciproca, di intesa ed affiatamento tra il cane ed il suo conducente. Il mezzo ludico riveste un ruolo centrale nell’addestramento: il cane militare impara a riconoscere e segnalare qualsiasi tipo di esplosivo proprio attraverso il gioco.
Gli animali impiegati nei nuclei cinofili vengono selezionati da cuccioli, attraverso una valutazione delle loro capacità e della loro indole. Dopo un corso di formazione e addestramento della durata di un anno, vengono affidati a un militare specializzato, con cui condivideranno tutta la loro “carriera”. Durante il corso, il cane impara il trasporto tattico su qualsiasi mezzo militare, l’elisbarco ed elimbarco, il superamento di un corso d’acqua, tecniche di movimento e combattimento in ambiente urbano, tecniche di sicurezza e vigilanza di punti ed aree sensibili, controllo della folla, procedure di reazione automatica immediata, etc.

cane anti esplosivo esercito italiano
Jimmy cane anti esplosivo esercito italiano

Soprattutto, impara a ricercare, individuare e segnalare opportunamente la presenza di sostanze esplosive. Il programma di memorizzazione di questi materiali pericolosi ha dato ottimi risultati tanto da destare l’interesse anche di Eserciti stranieri che più di una volta hanno scelto la sede del Gruppo Cinofilo dell’Esercito a Grosseto per un addestramento congiunto. All’occorrenza, i cani possono essere impiegati sul territorio nazionale con compiti di sorveglianza di obiettivi strategici, per la ricerca armi e munizioni e per operazioni di “bonifica” di aree ed infrastrutture.

Le capacità e l’addestramento di questi cani consentono di ridurre il rischio di incidenti e quindi, in definitiva, di salvare vite umane. Per tali motivi, la scomparsa – in questo caso per motivi del tutto naturali – di uno di questi nobili animali determina sempre grande dispiacere fra i militari che sono ben consapevoli di quanto la loro insostituibile opera, possa garantire sicurezza e incolumità.

di Andrea Cionci
fonte: lastampa.it

5/5 (1)

Valuta questo Articolo

il portale sugli animali

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here